#FoglioBianco:”Riparto”.

In fondo, si sopravvaluta un po’ il concetto di amore, anche quello di amicizia. Quando hai capito di aver desiderato anche troppo una cosa, considerarla come la soluzione ad ogni problema, la riparazione di ogni fallimento… beh,  forse hai fatto affidamento, anche troppo a lungo, su cose che ti hanno deluso, ripetutamente.

Credo che, ad un certo punto, bisogni avere anche la saggezza di saper rinunciare alle cose, di stare da soli, ritrovarsi, rinascere, dopo essersi persi.

In fondo il male qual è stato?

Ho avuto il covid, per un paio di giorni, malessere intenso. Ora che mi è passato, ho la sensazione di stare benissimo, alcuni vecchi pensieri e sentimenti che avevo perso da tempo, son ritornati di botto.
Da cosa mi sono ripreso, dunque? Solo da una malattia, o anche da quello che mi ha trattenuto per lungo tempo?

Il desiderare, non porta a nulla, se non c’è modo di realizzarlo.

Nella vita, forse, non si deve dare una priorità specifica ad una cosa sola, ma tutto ha importanza, Ora, mi domando, se, in fondo, desiderare troppo una cosa, equivale a dare ad essa troppo potere, farci troppo affidamento, no?  

Posseduto da una smania di fare, di studiare, di lavorare… e poi ti stressi. La necessità e il desiderio ti divorano dentro.

Poi, si smette e ti risvegli, non avendo più quella fissazione, quell’ossessione, quel desiderio.

Non avendo più quelle persone in testa, con tutte le cazzate che sono passate.

Più vado avanti, più sento storie e cazzate che si ripetono, e sono cose a cui sto diventando apatico, dato che necessito di ben altro per andare avanti.

Ho bisogno della fede, della fiducia, e dell’impegno.

Mi bocciano ad un esame, ma ho passato quello più difficile, e con maggiori crediti universitari. Me la prendo, perché avrei voluto passare entrambi, ma non mi fermo mai.

Ed è da qui che si riparte: dalla voglia di farlo. Si ricomincia da sé, da casa propria, letteralmente. Molti vedono l’isolamento come qualcosa di negativo, io sto riscoprendo e ritrovando me stesso, e sto notando che sto benissimo.

E ritrovo la mia quiete, il mio equilibrio, e mi lascio ben volentieri cullare da esso, il mio sonno diventa sempre più dolce, distendo i nervi, senza avere questa pazzesca fretta.

Le cose forse, arriveranno davvero quando uno meno se l’aspetta, chi lo sa.

Non siamo sempre noi a decidere, forse è giusto vivere, e veder apparire quello che vuoi, lavorando su quello che puoi davvero cambiare.

Sto ritrovando pezzi di me, che credevo persi da lungo tempo.

E tutto questo, perché ho deciso di essere migliore, diventarlo, di non fare come gli altri, in preda agli istinti, pregiudizi, odio e cazzate varie, perché troppo spaventate dalla verità, troppo codarde per affrontare le situazioni faccia a faccia, coprendosi dietro messaggi di whatsapp, o blocchi.

Non colpisco mai per primo, sono un po’ come Il Myagi-do, ma senza paura, come Cobra Kai.

Sono un incrocio tra il Miyagi-do e il Cobra kai

Non colpisco io per primo, ma paura mai

Faccio ‘sta merda da decenni ormai, quindi sai

Pazienza se non vinco, il motto resta: do or die ”.

Resterò il guercio nel mondo dei ciechi, l’onesto nel mondo delle merde, il sincero nel mondo di falsi che ti pugnalano alle spalle, e chissà che cazzo dicono.

Ed eccoci qui, a mandare a fanculo sempre un po’ di tutti, dato che hanno tutti fretta di rovinare la vita a chi tenta di fare il suo meglio, anzi, lo fa.

Queste sono robe da ragazzini da terza media, e sono ormai disilluso e sfiduciato verso questa umanità, vedendo sempre più spesso, che nessuno fa ma la cosa più ragionevole o matura per risolvere le situazioni, scappano tutti, come se stessi veramente dietro di loro, con la falce della morte in mano.

Fa molta paura, si sa, quando cerchi di fare la cosa giusta.

Ma la gente non è capace di capirlo, perché è sempre più facile e meglio credere nelle cose false, che in quelle vere.

Dici di volere bene a qualcuno? È chiaro che è una “bugia”, pensano. L’amore non esiste, no?

Ma tanto io… ogni volta riparto. Quindi, non esiste mai qualcosa che mi faccia davvero paura, perché so di essere più forte di molti, perché non mi sono mai lasciato fottere dalla vita, diventando qualcosa di diverso da me, per nascondere le mie fragilità.

Le palle di uscire di casa così “nudi”, non ce l’ha mai nessuno, fidatevi.

Spesso mi dicono di stare attento, ma non hanno ancora capito con chi cazzo stanno parlando qua, io lo so che fuori molte cose fanno schifo, ma sto sempre ad affrontare tutto, a testa fottutamente alta.

Condividi, lascia un “mi piace” per farmi sapere che hai apprezzato, e se hai qualcosa da dire, lascia un commento, per farmi sapere la tua, e grazie! 😊

E, se ti va, seguimi, trovi le mie pagine social e podcast!

Trovi tutto qui sotto

👇👇👇

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...