Solo gli stupidi non cambiano idea.

Più mi amo, più prendo il mio spazio, ed è paradossale quanto io riesca ad amare gli altri, nonostante tutto.

Più mi amo più AMO quella persona che ormai mi odia o non so cosa, ad ogni modo, in essa rappresento alcuni pensieri e paure di ciò che sono diventato.

Se il cuore si è indurito, se ormai non riesco più a riprendere quella vecchia energia, quel modo di pensare, non ci posso fare nulla, capito?

Si matura tramite il dolore, volenti o nolenti.

Ma lo fai così tanto che diventi un essere di apatia e di aggressività verso qualsiasi cosa di buono che ti capita. Troppo buono, grazie, ne voglio meno. Non ho bisogno che qualcuno si prenda cura di me, riesco a farlo da solo, e voglio farlo da solo.

Invece di pulirmi con il tovagliolino, ditemi che sono sporco. Altrimenti il mio spazio, il mio orgoglio, che ho faticato tanto a conquistare e percepisco la cosa come una mancanza di rispetto.

Come se mi stessi dicendo che sono un bambino,

e voi chi sareste? Mia madre, che la nominate pure? Vola vasciu e fallo in fretta.

Che non mi hai capito per niente, anche se sei convinta di aver capito tutto.

E se provochi rabbia e cose simili, dove vorresti andare, credendo che io possa volerti un minimo di bene, se ritengo questi comportamenti irritanti? Ci vuole tempo? Pensi che io voglia usarne ancora per qualcosa che non mi interessa?

Illuditevi pure, cazzi vostri.

Mi dispiace, ma non posso negare la verità.

Io ne ho perso anche troppo di tempo appresso alle cose e persone sbagliate, sei solo l’ennesima.

Io merito di più di questa bassa mediocrità. Non sarei felice nell’accontentarmi.

Mi dicevano che ero “troppo ambizioso”, perché dovevo prendere ciò che volevano loro.

Ora penso che non me ne frega un cazzo di ciò che pensano tutti, mi occupo di ciò che voglio fare io.

Chi mi dice che sono “troppo ambizioso”, non ha ambizioni, non ha obiettivi, non fa nulla.

Io non potrò mai volere ciò che non voglio, né oggi, né domani, né mai.

Io volevo qualcos’altro, voi non lo siete, non lo sarete mai.

Lasciatemi in pace, allora, ve lo dico per il vostro bene. Ora che non sono come mi era sempre piaciuto essere.

E forse dovrei dire che non sono più un ragazzino che cambia idee, gusti, sapendo ormai cosa gli piace.

La verità è come dice anche Dani Orgoglio Gobbo: “Solo gli stupidi non cambiano idea”.

Segno di mentalità aperta, senza dubbio.

Ma in alcune cose, chiudiamo le porte, non bisogna negarlo.

Anche se speriamo che gli altri lo facciano, mi impegno anche per quello, in fondo. Mah, vedremo domani, no?

.

Se ti è piaciuto, lascia un mi piace, un commento per farmi sapere la tua, e seguimi per restare aggiornat* su #poesie, #racconti e #podcast, e Live Twich!

Trovi tutto qui:

6 commenti

  1. bellissima la foto… e tua?
    la nuvola sembra l’ala di un Angelo…
    anche io… ho imparato che sì matura attraverso il dolore…
    capisco che sia difficile x te…
    tieni duro… non indurire troppo il tuo cuore…
    trova il modo… anche attraverso le lacrime… che ci sia sempre lo spazio per un raggio di sole…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...